Acustica

Ascisse S.r.l. offre un’ampia gamma di strumenti per realizzare misurazioni acustiche nel settore della sicurezza sul lavoro e ambientale. Date le ultime normative in materia di Acustica nei luoghi di lavoro, ogni azienda è tenuta a verificare che il livello di rumore a cui ogni lavoratore è sottoposto sia inferiore ai limiti stabiliti dalle normative vigenti. Anche per i nuovi edifici o per le ristrutturazioni di edifici esistenti, devono essere seguite norme progettuali e costruttive atte garantire un isolamento acustico adeguato, sia da sorgenti di rumore interne (ad esempio impianti e/o servizi, altri inquilini, ecc), sia da sorgenti esterne (ad esempio traffico e rumore ambientale in genere).

Le principali misure che si possono effettuare con i nostri strumenti sono

– Monitoraggio dei livelli di rumore su medio-lungo periodo
– Misure acustiche generiche
– Misure di rumore in ambiente di lavoro
– Misure di rumore in ambiente esterno
– Isolamento Acustico per via aerea 
– Isolamento Rumore da calpestio
– Misura del tempo di riverbero
– Misure in 1/6 e 1/12 d’ottava
– Misure di vibrazioni (monoassiale)
– Misura di rumore con analisi FFT
– Misure di ultrasuoni

Le nostre proposte:

Dosimetro
SV 104A

Dosimetro_Svantek_104A_1

Dosimetro
SV 104IS

Dosimetro_Svantek_104IS

Fonometro
SV 971

Fonometro_SV_971_1

Fonometro
SV 977

Fonometro_Svantek_977_1

Stazione acustica
SV 271L

Stazione_monitoraggio_acustico_SV_971L_1

Fonometro
HD 2110L

delta-fonometro

Fonometro integratore
HD2010 UC/A

Fonometro_HD2010

Calibratore acustico
HD2020

Calibratore_HD2020

Macchina di calpestio
HD2040

Calpestio_HD2040

Sorgente sonora
dodecaedrica - HD2050

Dodecaedro_HD2050

Amplificatore digitale
HD2050.20

Amplificatore_HD2050.20

Modulo applicativo
Isolamento acustico

Noise studio

F.A.Q.

Cosa significa inquinamento acustico?

L’inquinamento acustico può avere accezioni diverse in  base all’ambiente che si considera poiché diversi sono i limiti del rumore nei luoghi di lavoro rispetto ai  limiti del rumore in ambienti di vita (esterni e abitativi). L’esposizione a livelli eccessivi di rumore può non solo provocare sensazioni fastidiose e sgradevoli tali da  disturbare il riposo e le attività umane, ma rappresentare un vero e proprio pericolo per la salute umana in quanto può arrecare danni gravi ed irreversibili all’apparato uditivo.

È il D.lgs 81/08 e s.m.i. che fissa negli  ambienti e luoghi di lavoro i valori limite di esposizione professionale al rumore [LEX = 87 dB(A) e ppeak = 200 Pa (140 dB(C) riferito a 20 μPa)] che non devono mai essere superati; in questo campo però si parla di inquinamento acustico nel momento in cui viene superato il Valore inferiore di azione [LEX = 80 dB(A) e ppeak = 112 Pa (135 dB(C) riferito a 20 μPa)] che fa scattare l’applicazione, da parte del datore di lavoro, di azioni di tutela specifiche tra cui le misurazioni acustiche.

Per gli ambienti di vita (esterni e abitativi) è la Legge quadro 447/95 a fissare i valori limite di emissione, immissione, assoluti e differenziali nonché i valori di attenzione che segnalano la presenza di un potenziale rischio per la salute umana o per l’ambiente. Inoltre il DPCM 14/11/97 classifica le zone del territorio comunale in base alla tipologia di attività in esso svolta, e per ogni classe (sono previste VI Classi) vengono fissati i valori limite per il tempo diurno ed il notturno; superati tali valori di attenzione si parla di inquinamento acustico.

Inquinamento acustico chi rivolgersi?

Per le misure acustiche negli ambienti di lavoro è necessario rivolgersi a Tecnici qualificati ad adoperare in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, mentre per le misure acustiche negli ambienti di vita bisogna rivolgersi a Tecnici competenti in acustica ambientale regolarmente iscritti nell’Elenco Regionale . La nostra società dispone di personale tecnico qualificato ad operare in entrambi i settori di interesse.